Bassai Dai 2017: non dire una parola che non sia d’amore

Bassai Dai 2017
Non dire una parola che non sia d’amore.
Tre giorni di iniziative con Lollo nel cuore.

Programma definitivo.
GIOVEDI 8 GIUGNO.
Porta di Massa 1. Dipartimento di Lettere e Filosofia.

Ore 19.30. War Games
WarGames – It’s definitively become real
Link MSack: http://msack.org/…/…/war-games-its-definitively-become-real/

Start h.22
Fight the Power: hip/hop per il Bassai Dai.
Link fb: https://www.facebook.com/events/131655497394363/
Si esibiranno
-Collettivo 4TH
-Mimmo Taki from 21KM
-Mr.Wareman & Enemy Blacksool from NA’Power Forz crew + Matto free panting
-Soffitta Squad

SABATO 10 GIUGNO.
Mensa Occupata. Via Mezzocannone 14.

-ore 17.30 presentazione del libro “Correvo pensando ad Anna” assieme all’autore Pasquale Abbatangelo e al “comitato cittadino contro la repressione”
Link fb: https://www.facebook.com/events/215135752332460
-ore 21.00 Cena nel cortile della Mensa a cura della “banda della magnata”.
-ore 23.00 Torciata Piazza San Domenico.

SABATO 17 GIUGNO
Mensa Occupata. Via Mezzocannone 14

Start h.23
Concertone nel cortile della Mensa con:
-The Radsters (punk/rock’n roll/raw speed)
-666 (Metal Punk Tribute to 883)
-a seguire dj set

 

Link dell’evento FB: https://www.facebook.com/events/1617828984911840/

============================================

E’ la storia di una società che cade dalla finestra di un ragazzo di venticinque anni. E’ la storia di Lollo, nostro fratello. La storia delle prime file bardati e delle serate insieme. E’ la storia che porta i nomi di una marea di occupazioni. Lettere, Schipa, Astra, Scienze, Mensa. Delle denunce per difendere gli immigrati senza biglietto nelle metropolitane o per le scritte in solidarietà ai NOTAV. E’ la storia tua e anche nostra. Noi che abbiamo avuto il privilegio di conoscerti e di partecipare alla tua vita. Di farci consigliare libri e vinili. Di tifare e brindare con te.
In tutti questi anni non sei mai cambiato. In prima fila contro i fascisti, in prima fila contro chi ha ricattato, svenduto e infine imprigionato la nostra generazione.
In prima fila contro una società inumana a cui hai dichiarato guerra e come sempre sei andato avanti anche da solo e disarmato, senza paura. Questa volta non ci hai aspettato. Non ci hai permesso di essere lì con te per condividere lividi e fragilità. Ma i segni di questa battaglia adesso li portiamo addosso, indelebili. Attraverso i tuoi occhi guardiamo la realtà e con i tuoi occhi la odiamo. E mentre piangiamo e piangiamo ancora, guardiamo avanti e tramiamo vendetta. Vendetta per Lorenzo che a venticinque anni ha sfidato questa società. Ma non pensate sia finita così.
Ci siamo noi a testimoniare che non ha perso.
Cospirare vuol dire respirare insieme.
Lollo ama ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.