Bassai Dai 2017: non dire una parola che non sia d’amore

Bassai Dai 2017
Non dire una parola che non sia d’amore.
Tre giorni di iniziative con Lollo nel cuore.

Programma definitivo.
GIOVEDI 8 GIUGNO.
Porta di Massa 1. Dipartimento di Lettere e Filosofia.

Ore 19.30. War Games
WarGames – It’s definitively become real
Link MSack: http://msack.org/…/…/war-games-its-definitively-become-real/

Start h.22
Fight the Power: hip/hop per il Bassai Dai.
Link fb: https://www.facebook.com/events/131655497394363/
Si esibiranno
-Collettivo 4TH
-Mimmo Taki from 21KM
-Mr.Wareman & Enemy Blacksool from NA’Power Forz crew + Matto free panting
-Soffitta Squad

SABATO 10 GIUGNO.
Mensa Occupata. Via Mezzocannone 14.

-ore 17.30 presentazione del libro “Correvo pensando ad Anna” assieme all’autore Pasquale Abbatangelo e al “comitato cittadino contro la repressione”
Link fb: https://www.facebook.com/events/215135752332460
-ore 21.00 Cena nel cortile della Mensa a cura della “banda della magnata”.
-ore 23.00 Torciata Piazza San Domenico.

SABATO 17 GIUGNO
Mensa Occupata. Via Mezzocannone 14

Start h.23
Concertone nel cortile della Mensa con:
-The Radsters (punk/rock’n roll/raw speed)
-666 (Metal Punk Tribute to 883)
-a seguire dj set

 

Link dell’evento FB: https://www.facebook.com/events/1617828984911840/

============================================

E’ la storia di una società che cade dalla finestra di un ragazzo di venticinque anni. E’ la storia di Lollo, nostro fratello. La storia delle prime file bardati e delle serate insieme. E’ la storia che porta i nomi di una marea di occupazioni. Lettere, Schipa, Astra, Scienze, Mensa. Delle denunce per difendere gli immigrati senza biglietto nelle metropolitane o per le scritte in solidarietà ai NOTAV. E’ la storia tua e anche nostra. Noi che abbiamo avuto il privilegio di conoscerti e di partecipare alla tua vita. Di farci consigliare libri e vinili. Di tifare e brindare con te.
In tutti questi anni non sei mai cambiato. In prima fila contro i fascisti, in prima fila contro chi ha ricattato, svenduto e infine imprigionato la nostra generazione.
In prima fila contro una società inumana a cui hai dichiarato guerra e come sempre sei andato avanti anche da solo e disarmato, senza paura. Questa volta non ci hai aspettato. Non ci hai permesso di essere lì con te per condividere lividi e fragilità. Ma i segni di questa battaglia adesso li portiamo addosso, indelebili. Attraverso i tuoi occhi guardiamo la realtà e con i tuoi occhi la odiamo. E mentre piangiamo e piangiamo ancora, guardiamo avanti e tramiamo vendetta. Vendetta per Lorenzo che a venticinque anni ha sfidato questa società. Ma non pensate sia finita così.
Ci siamo noi a testimoniare che non ha perso.
Cospirare vuol dire respirare insieme.
Lollo ama ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.